LA PRESENZA DELLA CONGREGAZIONE SACRA FAMIGLIA DI NAZARETH NEL MONDO

domenica 30 dicembre 2012

194 - C'ERO ANCH'IO


193 - DESPUÉS DE CIEN AÑOS

"Primer encuentro con P. Piamarta" de Pier Giordano Cabra

CAPÍTULO UNDÉCIMO
 
Los santos no viven solo en Dios, sino que continúan viviendo en sus obras, en sus enseñanzas, en la memoria de aquellos que los han conocido y en el corazón de quienes han beneficiado. Padre Piamarta ha dejado una familia religiosa que continúa su obra, cultiva su memoria y lo hace vivo actuando según su espíritu.

En su testamento había asegurado que acompañaría a los continuadores de su obra "desde el seno de Jesús bendito" y preveía la "continua y progresiva prosperidad" de cuanto había iniciado.

Después de cien años, Padre Piamarta obra entre los jóvenes en Italia, Brasil, Chile, Angola y Mozambique, en centros de acogida, en centros de formación profesional, en la asistencia a los "meninos da rua", en los sectores más pobres, en las escuelas, en las parroquias, en los internados. Siempre con los jóvenes y por los jóvenes. Siempre enseñando el programa evangélico: "Todo lo que hayan hecho a uno de estos más pequeños, lo habrán hecho a mí".

La impronta de Padre Piamarta se puede advertir en el espíritu de familia y de la colaboración con los laicos. Su Congregación está dedicada a la Sagrada Familia de Nazareth y quienes la componen se empeñan en vivir como una familia y a enfrentar la educación como se hace en una buena familia, con la necesaria comprensión de los problemas de los niños y jóvenes, exigiendo también toda su colaboración y cultivando el sentido de responsabilidad.

La colaboración de los laicos es fruto de la extensión de la familia religiosa, que abarca en su finalidad diversas competencias, generosas energías, ex alumnos que practican la "gratitud como máxima virtud", corazones sensibles al sufrimiento de los más pobres, personas con visión de futuro convencidas de que la educación es la tarea más importante y decisiva en el mundo de hoy.

¿Por qué no colaboras tú también con la obra de Padre Piamarta?

La promoción de la cultura cristiana también ha sido cultivada por la Editorial Queriniana, que ha contribuido, con su apertura internacional, a la renovación de la espiritualidad y del pensamiento teológico, según el espíritu del Concilio Vaticano II. Las primeras obras del teólogo Joseph Ratzinger, ahora Papa Benedicto XVI, han sido dadas a conocer en Italia por la Queriniana.

El 12 de octubre de 1997, la Iglesia ha reconocido oficialmente la vida santa y ejemplar de Padre Piamarta, declarándolo Beato. El pobre niño bresciano ha entrado en el rico cielo. El humilde sacerdote ha sido exaltado por la Iglesia y por la alegría de sus hijos. Aquél que estuvo cansado, que sufrió, que tal vez no fue comprendido, entra en la lista de aquellos que pueden ayudarnos a quienes estamos trabajando por hacer más humana la vida de los jóvenes, por comprender sus dificultades y su dignidad de hijos de Dios.
El 21 de Octubre de 2012, su santidad el Papa Benedicto XVI, lo canoniza en Roma y lo entrega a la Iglesia como San Juan Bautista Piamarta.

Oremos:
Oh Dios misericordioso, que has suscitado en San Juan Bautista Piamarta, sacerdote iluminado y ferviente, la preocupación por la educación de los jóvenes a la vida cristiana en el trabajo, en la familia y en la sociedad, concede que, por su intercesión, podamos vivir y actuar en tu amor providente de Padre y sentir la fuerza de tu ayuda para conseguir la Bienaventuranza eterna.
Por Cristo, nuestro Señor. Amén.

192 - "PIAZZA SAN PIAMARTA"


sabato 29 dicembre 2012

191 - ANNO 1912: 25° DELL'ISTITUTO ARTIGIANELLI

 09. Dal “Diario” di Padre Piamarta di Pier Giordano Cabra
 
I miei confratelli stanno organizzando per quest’anno la celebrazione del XXV dell’Istituto. Li ho dissuasi, ma poi ho dovuto cedere di fronte alle loro insistenze “per il bene dell’Istituto”.L’Istituto procede bene, ma nessuno può immaginare quanto mi sia costato.

Triboli e spine

“Ho cominciato quest’opera e i contrasti e i dolori,le disillusioni e le indifferenze e gli abbandoni anche per parte di persone su cui si era fondato tutto l’appoggio morale e materiale furono il mio pane quotidiano e continuano più che mai ad esserlo tuttora. La natura si ribella a tali trattamenti! Ma lo spirito sa che è appunto con tali caratteri che Iddio benedetto vuole contrassegnare le opere sue”.
Se penso alla storia di questi venticinque anni vedo che, “parlando da un punto di vista puramente umano, l’opera non fruttò che dolori, triboli e spine senza nome, pene incredibili, disinganni d’ogni genere”.
Spesso mi sono sentito “schiacciato sotto un peso enorme di pensieri, di occupazioni e tribolazioni: tutte cose inerenti all’opera che ho tra le mani e che, avendola con amore abbracciata per amore di Dio e per la salvezza della povera gioventù, oggi più che mai esposta a gravissimi pericoli, il Signore mi è largo del suo aiuto, onde possa portare lietamente il peso di questa grande croce”.
Infatti “le contraddizioni, anziché smuovere la nostra costanza devono fortemente rinvigorirla, perché la contraddizione è caparra del successo dell’opera. Bisogna diffidare sempre d’ogni impresa buona non contrariata. Quando il nemico del bene non si curasse di attraversare le nostre iniziative, sarebbe indizio che non gli fanno neppure paura”. 
Pure le umiliazioni non sono mai mancate: “anche di queste benedico il Signore, perché mi servono mirabilmente a tenermi sempre molto, ma molto in basso, terra a terra, e affidarmi tutto fiduciosissimo nelle sole amorosissime braccia della Divina Provvidenza”

Il pane avanzato dalla tavola del Signore
 
Ma la “fede sola è la vera panacea che ci fa, non dico solo tollerare ogni amarezza e dolore onde siamo infestati in questa misera vita, ma ci fa anche gloriosi di poter partecipare ai santi dolori e ignominie di Gesù Cristo.  I dolori e le traversie d’ogni fatto, sono un pane avanzato dalla tavola di Gesù Cristo. Ed io in questi giorni, sto mangiandone la parte più dura”.
Ho constatato che è proprio vero che “le opere di Dio non prosperano che all’ombra della croce ed anche a volere che esse diano frutti copiosi,conviene che noi le andiamo innaffiando dei nostri sudori, delle nostre lacrime e perfino del nostro sangue: basta guardare a Gesù. Dopo tanti miracoli e tanto bene compiuto i suoi lo lasciano solo ed egli finì sulla croce”.
Tante fatiche in questi venticinque anni, ma anche tanti frutti, che il Signore ha fatto germogliare.
Mai tuttavia devo dimenticare che “facendo del bene al nostro prossimo, guardando a Dio solo, avverrà che quanto meno troveremo negli uomini rispondenza al bene loro fatto, tanto più copiosa sarà la mercede che ci riserva il Padre che è nei cieli”..
Oggi ho ricordato queste difficili realtà, perché chi si mette a fare il bene non si illuda.
Qui dobbiamo sudare per poter raccogliere un giorno una messe abbondante, che il Signore riserva a quelli che lo servono fedelmente.

 

190 - UN AMICO IN PARADISO


189 - FRATELLO DELL’UMANITA’


Un uomo nasce, nasce per amore
diventa grande e solo per amore,
il sogno vero è dar se stesso,

donare tutto in libertà,
ed essere felice quando il sole
tramonta sull’umanità.

E’ nato un uomo è nato per amore,
Piamarta uomo, un uomo del Signore,
ti guardi intorno c’è dolore
ed una voce dentro il cuore:
“Vieni con me, dona la vita
per un’anima sola che si salverà”.


Rit.
La festa dell’amore hai creato per noi,
Piamarta sei un padre sei un fratello per noi.
Vivi, gioca con noi, ama, vivi in noi.


Innamorato dell’uomo e del tuo Dio
ricerchi Lui nei poveri delusi.
E spezzi il pane della vita,
li chiami figli tuoi e poi
apri una casa e dai lavoro,
crei in mezzo alla gente credibilità.

La tua parola, parola del Signore
un entusiasmo per ogni creatura,
mille ragazzi intorno a te
hanno trovato un padre amico
che accoglie Cristo in ogni volto,
l’impossibile avviene perché Lui è in te. 

Fuori dal tempo torni nell’eterno
i tuoi ragazzi moltiplicano amore
ed il tuo segno resta qui
acceso in mezzo a questa terra

dove lavori, parli e vivi
ogni giorno fratello dell’umanità. 


Ascolta il canto
Fratello dell'Umanità

domenica 23 dicembre 2012

187 - AYER Y MAÑANA

"Primer encuentro con P. Piamarta" de Pier Giordano Cabra
 
CAPÍTULO DÉCIMO

16 de Junio de 1912: un triunfo. En el Artigianelli se celebra el vigesimoquinto aniversario de la fundación del Instituto. Es una avalancha de reconocimientos: cartas y telegramas de todas partes, ex alumnos llegados en masa, presencia de autoridades civiles y religiosas, testimonios del inmenso bien realizado. Todos aplauden y se unen para festejar "la fundación de este grandioso Instituto que nació de tantas privaciones y fatigas, sudor y sacrificios", pero que está coronado "por una inmensa cantidad de queridos jóvenes, crecidos como verdaderos cristianos".
El Instituto ahora es verdaderamente grandioso y bello. De la primera casa a hoy, el antiguo edificio ha sido agregado a los nuevos edificios, para ser completados con los vastos pórticos y la bella iglesia en el año 1907. Padre Piamarta escucha, pero parece ausente. Su mente está con los bienhechores, sin los cuales no habría podido hacer nada. Admira su generosidad y, también la confianza puesta en él, sin títulos y sin pruebas precedentes. "La gratitud debe ser la primera virtud del Instituto", continuará repitiendo. Los recuerda a cada uno, especialmente a los hermanos Marietta y Ángel Muzzarelli, junto a todas las personas humildes que han dedicado su vida a sus jóvenes, desde Filippa Freggia, la mamá de los primeros tiempos.

Padre Piamarta está feliz por el buen grupo de sacerdotes y hermanos religiosos que lo rodean y que garantizan la continuidad de la obra. Sabe que esta familia es el más bello don que el Señor le pudiera dar. Los ve dotados de verdadero espíritu sacerdotal y religioso, prácticos y activos, sensibles a los pobres. "Ahora tu siervo puede partir en paz", murmura en voz baja, "porque mis ojos han visto tu salvación, preparada" para tantos jóvenes y asegurada también después de mi partida.

Su más querido amigo, el de la aventura infantil en el monte Magdalena - ¿lo recuerdan? - le había escrito pocos días antes: "Tu ánimo tan sensible merece la más afectuosa admiración por parte de todos nuestros conciudadanos. Tú has justamente gozado un paraíso anticipado". El Paraíso en el cielo, quizás, respondió, "pero en el sentido puramente humano, la obra no me dio más que dolores, tribulaciones y espinas innumerables, penas increíbles, desengaños de todo tipo".

 Incluso en medio de estas dificultades, la Providencia siempre lo guió y lo ayudó, pudiendo reconocer que la obra no fue querida por él, sino por Aquél que "provee a los más pequeños de sus hijos", de entre los que lo eligió a él, un pobre sacerdote, "una mancha de tinta en el libro de oro de la caridad", para demostrar que somos pequeños instrumentos en la mano omnipotente del Altísimo. Por esto Padre Piamarta recomienda "no centrase en los cálculos humanos", sino "confiarse siempre en la infaltable ayuda" de la Providencia de Dios, la que mantendrá en vida su obra para que la consideremos Suya.

Mirando hacia adelante en el tiempo, se siente seguro de que sus tantas fatigas no han sido inútiles y que él, "siervo inútil y débil", podrá ser más útil "en el seno de Jesús bendito", donde podrá seguir mejor "la continua y progresiva prosperidad de la obra" que el Señor le ha puesto entre las manos y que él, quizás, ya está listo para poner en las manos de sus sucesores.

Los aplausos lo hacen sonreír, pero él piensa en los jóvenes que habría podido ayudar y que no pudo, así como también en los que hoy no han venido y que él atendía."Ha llegado el tiempo de rezar más por ellos", porque si no los he visto aquí hoy, los veré en el Paraíso". Al Paraíso entrará el 25 de abril de 1913.

186 - GLI AMICI DEL CILE


185 - AS ORIGENS

CAPÍTULO 1

João Batista Piamarta nasceu em Bréscia na 6a. feira do dia 26 de novembro de 1841.
Bréscia nesta época era uma cidade com pouco mais de 30.000 habitantes, pertencendo ao Reino Lombardo-Veneto, sob a dominação austríaca. A família Piamarta estava em Bréscia há duas gerações, tendo chegados ao Piemonte no início do século.
A família é pobre e vive no bairro popular de S. Faustino.
O avô era sapateiro e o pai barbeiro: uma família como tantas outras do tempo, numerosa, preocupados com os problemas da sobrevivência quotidiana, uma daquelas famílias que vivem emprensadas em pequenos casebres, em bairros populares com ruas apertadas. O ponto comum de encontro das esquinas e das estradas é a igreja paroquial, verdadeiro lugar de socialização. Naturalmente, outro ponto de encontro para os homens é o bar, como para as mulheres é a fonte do bairro ou o Rio Garza e para os meninos é a estrada e as pequenas pontes sobre o rio, que, até então, escorriam livremente pelo bairro. A paróquia dos santos Faustino e Giovita é uma das mais populosas da cidade; é dedicada aos patronos de Bréscia, que, justamente por isso, merecem uma das igrejas mais majestosa.  E, nessa igreja, vem batizado Joãozinho, no dia seguinte ao seu nascimento, sábado 27 de novembro de 1841. O sacerdote que celebra o rito da iniciação cristã era padre Luís Apollonio, um grande educador e distinto benfeitor, fundador do instituto para meninos abandonados “Derelitti”, um verdadeiro apóstolo da juventude. Uma pura coincidência?

O registro do batismo relata os seguintes dados: “Piamarta João Batista, filho de José e de Ferrari Regina, habitantes no bairro de S. Faustino n°. 3.104, casados na catedral em 20 de novembro de 1836, católicos”.
O pai é descrito por todos como um homem bom, dedicado ao seu trabalho, mas também à garrafa de vinho. E, quando embriagado, se torna violento. A mãe é “uma mulher cristã, no verdadeiro sentido da palavra e de grande bondade”; porém, não deixa faltar firmeza na educação dos filhos.
Joãozinho sente logo as dificuldades e a dureza da vida.
É vivaz, inquieto, gosta de pular, brincar, correr à margem do rio Garza, para cima e para baixo, pelas pontes em manobras impressionantes junto com os outros meninos, causando os primeiros problemas: e quando o pai está enfurecido não se contenta somente em repreendê-lo, mas lhe dá uma surra. E freqüentemente Joãozinho não entende o por quê.

Por sorte tem a mãe, piíssima e afável, que o defende, não lhe deixa faltar o afeto, o educa à piedade, lhe faz gostar da igreja e, sobretudo, o encaminha ao oratório.
O caráter de Joãozinho é vivo e tenaz ao ponto de se tornar, às vezes, teimoso.
Recordamos aqui o famoso episódio da sopa. O transmitimos com as palavras da senhora Bice Trabucchi, que tinha escutado diretamente de padre Piamarta: “Quando isto aconteceu o garoto tinha sete ou oito anos. Uma noite a mãe tinha preparado para o jantar sopa de arroz com ervilhas. O menino empurrou o prato declarando firmemente que não comeria aquela sopa, porque não gostava. A mãe, calma e mansa, diz ao filho: “comerá a sopa ou irá para a cama com estômago vazio”. O menino se levanta e vai dormir. Na manhã seguinte na hora do café, no lugar de café e leite, tem no seu lugar a sopa da noite anterior e, para piorar, fria. Piamarta teima que não comerá. E a mãe tranqüila o manda para a escola, dizendo simplesmente: “quando terá fome, comerás”. O desafio se prolongou o dia todo sem que Joãozinho cedesse ..., mas finalmente a fome o derrotou e o pequeno rebelde se submeteu e pediu perdão.
Foi então, que a mãe, com firme doçura lhe fez entender como o homem deve trabalhar sobre si mesmo e começar desde criança a dominar a própria vontade. Ah! como agradeço, conclui o santo sacerdote, a minha mãe, que com um amor iluminado me ensinou a vigiar sobre a minha natureza teimosa.
Mas o menino faz logo também a experiência da passagem da morte, que vem bater prematuramente e freqüentemente na família: quando tem nove anos morre a irmã, com dois anos mais velha. No ano seguinte é o luto mais grave: perde a mãe. Aos treze anos, vê morrer outro irmão.

Permanece em casa com o pai e com o último dos irmãos, Luís Francisco.
Uma infância provada pela pobreza e pelos lutos, que deixarão sempre, também nos momentos de alegria, um véu de tristeza sobre a sua face e, sobretudo, abrirá no seu coração uma grande compaixão para com os meninos órfãos, pobres e abandonados.
A sua paixão de educador tem raízes também nessa dolorosa experiência.
Por sorte, o avô materno, um modesto torneiro, toma cuidado de sua educação: é um grande narrador de episódios da história profana e da história Sagrada, que incitam a fantasia do menino e lhe fazem sonhar grandes empreendimentos.
É outra característica da personalidade do futuro educador, que aprendeu já na infância: a grande paixão para com a história Sagrada e a particular capacidade de narrá-la aos seus meninos, deixando uma profunda lembrança na sua memória.
O espaço apertado de casa e a curiosidade da idade o impulsionam a sair para fora, ao aberto, e a tomar o rumo com as primeiras companhias de amigos mais espertos do que ele das coisas da cidade.

E aqui o seu horizonte se alarga e começa a perceber também os problemas mais vivo do momento, a partir daqueles da pátria: os jogos são sempre jogos, mas algumas vezes se tornam perigosos justamente porque refletem o clima geral das tensões em confronto com a Áustria. Aquilo que é curioso é que a Áustria não administrava mal o seu império, ao contrário será lamentada, em seguida, mais de uma vez. Mas era presunçosa e isto irritava. Além de ter naturalmente o dúplice defeito de ser fundamentada em uma política de vigilância policial e, aquele mais grave, de não ser italiana. “Grupos de meninos, narra a história de Bréscia, divididos por paróquias, se recolhiam nas encostas e com bandeiras de papel com as cores italiana, húngaros e austríacos, iniciavam batalhas encenadas, nas quais as pedras voavam e frequentemente feriam de verdade. Porque a pior tocava sempre àqueles que representavam os austríacos, o povo aplaudia e, no entusiasmo, autênticos soldados austríacos se tornavam alvos preferidos de golpes bem certeiros.
O menino Piamarta cresceu neste ambiente, marcados por episódios de rivalidades, que mostravam claramente o clima, no qual nasceram os famosos “Dez dias de Bréscia”, uma heróica e azarada tentativa de rebelião e de independência da Áustria.
Para a cidade de Bréscia foram dias inesquecíveis pela revolta comum; com exceção de alguns nobres que tinham se refugiado em tempo no interior, a revolta foi geral.
Se o ressurgimento italiano geralmente não foi um fenômeno popular, mas de uma elite, o mesmo não se pode dizer da revolta bresciana.

Foi uma experiência intensíssima e traumática: em baixo os sinos tocavam alternadamente, no alto, do indestrutível e bem armado castelo, respondia o canhão, que lançava fogo e destruição sobre as casas.
Sobre os muros um povo se defendia com os fuzis contra os canhões de um exército muito bem organizado. O terrível comandante Haynau, admirado e estupefato pela garra dos brescianos, teve que recorrer ao terror para reprimir as últimas irredutíveis resistências: “ordenou que não se fizesse mais prisioneiros e fossem imediatamente massacrados todos aqueles que fossem pegos com arma na mão. As casas, da qual vinham disparados os tiros, eram incendiadas e assim aconteceu que o fogo, já iniciado, parte por ação das tropas e parte pelos bombardeios, se acendeu em muitos lugares”. Bréscia pagou caro por sua revolta: fuzilamento de populares em massa, impostos altíssimos e humilhantes (a Áustria fez pagar também as despesas do bombardeamento!).
E, mais tarde, a condenação à morte de Tito Speri, um inquieto, inteligentíssimo, generoso, sedutor de jovens nos dias da luta e um organizador da sucessiva resistência. Esteve antes no seminário, refugiando-se, sem verdadeira vocação depois de ser afastado das escolas ausbúrgicas, e depois de idéias de Mazzino.
A sua morte foi descrita como edificante e comovente: “Eu não vou à forca, mas sim às núpcias”, escrevia no dia antes da morte. E diante do patíbulo: “Vou a vós meu Deus: vou a vós, meu caro Jesus. Recebei-me no paraíso”.
Joãozinho tem oito anos e a experiência daqueles dias de sofrimento e de fogo, de indignação e de raiva, de comum entusiasmo e de grande desilusão, com um sentimento crescente de aversão contra a “tirania” e de amor para a liberdade, não serão nunca apagadas das suas primeiras impressões e do seu coração atento e sensível.

Pouco tempo depois, quando tem treze anos, Joãozinho assiste a um acontecimento excepcional: a visita e a entrada solene na cidade do imperador Francisco José, que numa tentativa desesperada de pacificação com Bréscia levou consigo também a fascinante e jovem imperatriz, a célebre Sissi.
Mas é acolhido friamente, quase como se fosse um funeral, por uma população fechada num silencio sepulcral: nada a fazer com os brescianos. É uma verdadeira decepção vergonhosa para o casal imperial e para a própria Áustria. Também a imperatriz, em pranto, toma consciência que para a coroa imperial a cidade já está perdida, tal era o abismo de desconfiança e aversão que separavam as duas realidades.

Bem diverso é o espetáculo que o menino assiste, no clima eufórico da independência já sentida como próxima, à metade de 1859: em 6 de junho entra triunfalmente em Bréscia, apenas abandonada às escondidas pelas tropas imperiais, José Garibaldi, acolhido como libertador: “ele cavalgava naquele dia, em meio a acolhida de um povo quase delirante de alegria, com aquela sua postura, que às vezes, parecia um homem fora do nosso tempo, sem pensar ao momento e a si, somente intencionado em olhar em frente, longe”, escreverá um garibaldino com retórica, mas mostrando bem o clima que circundava o mítico herói libertador”.

O dia 16, toca a Vitório Emanuel II, o rei piemontês, que logo será o rei da Itália. Dois dias depois é a vez de Napoleão III, o imperador francês, aliado com o piemonte: também ele atravessava as ruas da cidade, acolhido pelo entusiasmo eufórico da multidão bresciana.
Os dois soberanos empreendem alguns dias depois a batalha decisiva com o imperador da Áustria, Francisco José; combate que determinou a passagem de Bréscia e da Lombardia da Áustria ao Piemonte e, portanto, à Itália.

 Os dias depois de 25 de junho foram marcados por um mar de feridos que invadem a cidade, depois dos grandes e crudelíssimos combates de São Martinho e Solferino, as batalhas que decidem a sorte de Bréscia e da Lombardia. Os feridos são levados para Bréscia, única cidade próxima ao teatro dos dois terríveis massacres,: chegam mais de 35.000. Somente na catedral são alojados 600. A generosidade dos brescianos admira mais uma vez com uma assistência organizada e ordenada.
Não é por nada que a “cruz vermelha” nasce à vista dos horrores das duas batalhas e depois de ter observado a admirável organização dos socorros por parte dos brescianos.
Entre eles, naturalmente, se encontrava também Piamarta, com seus 18 anos, que recordará com comoção, mas também com certo prazer, a sua participação a assistência dos feridos franceses, hospedados em S.Cristo. Ele dizia brincando de ter aprendido o francês, ao oferecer sopa a eles: “voulez vous du bouillon? … Oui,oui, monsieur!”.

Os acontecimentos que vão de 1848 ao 1859 foram episódios decisivos para a história da Itália, mas também importante para a vida de um menino e de um jovem, que nunca esquecerá de pertencer a uma cidade que participou tão ativamente e unanimemente à construção do próprio futuro de liberdade. O seu caráter forte e decisivo, interessado ao futuro e aos problemas da pátria, vista quase sempre a partir da ótica de sua Bréscia, mas sobretudo às dificuldades da gente que sofre, foi influenciado inevitavelmente também por estes acontecimentos.

Foi, afinal, o tempo de sua infância e sua adolescência, um período movimentado, cheio de acontecimentos trágicos e heróicos, movidos e agitados por grandes paixões patrióticas e políticos vividos com firme determinação. Eventos e paixões que o colocaram em contato com os grandes problemas da liberdade da pátria e do sofrimento das pessoas, que sensibilizaram aos problemas da Itália, mas que também lhe abriram os olhos sobre o preço que é necessário pagar para realizar os ideais mais nobres.
Uma lição que lhe será útil para as suas decisões onde o mais alto idealismo tiveram que ser medido sempre à luz da realidade.

domenica 16 dicembre 2012

183 - IERI E DOMANI

"Primo incontro con padre Piamarta" di Pier Giordano Cabra

Capitolo decimo

1. 16 giugno 1912: un trionfo. Agli Artigianelli si celebra il primo venticinquesimo anniversario della fondazione dell’Istituto. È una valanga di riconoscimenti: lettere e telegrammi da ogni parte, ex alunni accorsi in massa, presenza di autorità civili e religiose, testimonianze toccanti dell’immenso bene fatto: tutti plaudono e si uniscono a festeggiare “la fondazione di questo grandioso Istituto costata tanti stenti e fatiche, sudori e sacrifici”, ma che è coronato “da una immensa quantità di cari giovani, cresciuti ed usciti da veri cristiani”.

2. L’Istituto ora è davvero bello e grandioso. Dalla prima casupola ad oggi, i fabbricati si sono aggiunti ai fabbricati, per essere completati con i vasti portici e le bella chiesa nel 1907. Padre Piamarta ascolta, ma sembra assente. La sua mente va ai benefattori, senza i quali non avrebbe potuto fare nulla. Ammira la loro generosità, ma anche la fiducia posta in lui, senza titoli e senza prove precedenti.
“La gratitudine deve essere la prima virtù dell’Istituto”, continuerà a ripetere.
Li ricorda uno per uno, specialmente i fratelli Muzzarelli Marietta e Angelo, assieme a tutte le persone umili che hanno dedicato la loro vita ai suoi ragazzi, a partire da Filippa Freggia, la mamma dei primissimi tempi.

3. È lieto del bel gruppo di sacerdoti e religiosi fratelli che lo circondano e garantiscono la continuità dell’Opera. Sa che questa famiglia è il più bel dono che il Signore gli potesse fare. Li vede dotati di vero spirito sacerdotale e religioso e li vede pratici e attivi, sensibili ai poveri. “Ora il tuo servo può partire in pace” - mormora sotto voce - “perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata” per tanti giovani e assicurata anche dopo la mia partenza.

4. Il suo più caro amico, quello dell’avventura precoce sulla Maddalena (lo ricordate?), gli aveva scritto pochi giorni prima: “L’animo tuo sensibilissimo merita la più affettuosa ammirazione da parte di tutti i nostri concittadini. Tu hai giustamente goduto un paradiso anticipato”.  “Il Paradiso in cielo forse”, aveva risposto Padre Piamarta, “ma nel senso puramente umano l’opera non mi fruttò che dolori, triboli e spine senza numero, pene incredibili, disinganni di ogni genere”.

5. Proprio in mezzo a queste difficoltà, la Provvidenza l’aveva sempre guidato ed aiutato ed egli può riconoscere che l’opera non è stata voluta da lui, ma da Colui che “provvede ai più piccoli dei suoi figli”, il quale ha scelto lui, povero prete, “una macchia d’inchiostro in fondo al libro d’oro della carità”, per dimostrare che siamo piccoli strumenti nella mano onnipotente dell’Altissimo. Per questo raccomanda di “non far conto unicamente sui calcoli umani”, ma di “fidarsi sempre dell’immancabile aiuto di Dio”, che manterrà in vita la sua opera, finché la consideriamo Sua.

6. Guardando avanti nel tempo, si sente sicuro che tante sue fatiche non sono state inutili e che lui, “servo inutile e pigro”, potrà essere più utile “dal seno di Gesù benedetto”, donde potrà seguire meglio “la continua, progressiva prosperità dell’opera” che il Signore gli ha posto tra le mani e che egli è ormai pronto a passare alle mani dei suoi successori.

7. Gli applausi lo fanno sorridere, ma egli pensa a quei giovani che avrebbe potuto aiutare, ma non è riuscito, come a quelli che oggi non sono venuti e che lui attendeva.
“È giunto il tempo di pregare di più per loro”, perché se non li ho veduti qui oggi, li dovrò vedere in Paradiso”. In Paradiso entrerà il 25 aprile 1913.

182 - LA BEATIFICAZIONE DI PADRE GIOVANNI PIAMARTA


181 - IL MIO ONOMASTICO

08. Dal “Diario” di Padre Piamarta di Pier Giordano Cabra

Brescia 24 giugno 1911

Oggi è la festa di San Giovanni Battista e qui agli Artigianelli vorrebbero festeggiare il mio onomastico. Ma da anni preferisco, in questo giorno, ritirarmi a Gavardo presso le Suore Orsoline e riflettere un poco sul “mio santo”.
Giovanni Battista è presentato nel Vangelo come un nuovo Elia, il profeta che ha difeso i diritti di Dio e dei poveri, portando avanti la sua missione con straordinaria fortezza.
Ed io ho bisogno di fortezza, per continuare con la mia opera a favore dei poveri giovani, opera che è fonte di preoccupazioni continue sotto molti aspetti e che, fra l’altro, è “scossa dalle circostanze economiche. Soltanto il convitto lo scorso anno dovette sottostare alla perdita di Lire 20.000 e quest’anno. a quest’ora è già superata. Le spese di vitto e vestito sono accresciute enormemente a confronto del passato, per cui ci troviamo costretti ad imporci la più rigorosa economia, per non compromettere l’esistenza dell’Istituto”.
Ho bisogno della fortezza di Elia e di Giovanni Battista per richiamare prima di tutto a me stesso, e costantemente, la necessità di riporre tutta la fiducia nella divina Provvidenza che mi ha messo nelle mani quest’opera, perché non desista, come non possono desistere i padri e le madri di famiglia che devono sudare e faticare per far quadrare il bilancio e sono preoccupati della educazione dei loro figli.

 
Come i genitori
 

Sento inoltre che questo assillante impegno per la questione economica e per una buona educazione dei ragazzi, mi avvicina alle preoccupazioni che la povera gente ha nei confronti dei gravosi problemi di ogni giorno e mi induce a non giudicare con troppa facilità le insufficienze delle povere famiglie. D’altra parte vedo che le preoccupazioni economiche assorbono tali e tante energie,da far correre il rischio di dimenticare il sostegno unico che viene dalla fede. Nelle mie condizioni, penso di essere in grado di comprendere meglio i miracoli che deve compiere la povera gente, per sopravvivere, con l’annessa tentazione di far servire la religione a un mezzo tirare avanti, riducendo il rapporto con Dio a una richiesta di aiuto nelle cose temporali.
Ecco perché il giorno del mio onomastico mi ritiro volentieri in un luogo appartato, come faceva Giovanni Battista, per ottenere dal Signore la forza di servirlo nelle mie fatiche, come vuole Lui e senza lasciarmi travolgere dal “terribile quotidiano”. Desidero essere servo di Dio, per meglio servire i suoi figli. Giovanni Battista è per me un esempio di fedeltà alla sua missione, di fortezza di fronte agli ostacoli, di coraggio nell’affrontare l’imprevisto, di impegno nelle cose che si devono fare e nello stesso tempo di coerenza nel richiamare alla realtà più vera delle cose, che non siamo cioè noi Dio, ma che possiamo e dobbiamo confidare in Lui.

Una fuga necessaria

I miei confratelli giudicano questa mia “fuga” annuale un atto di umiltà, per evitare festeggiamenti. Per me invece è una necessità, per rientrare più sinceramente in me stesso ed esaminare con calma le motivazioni del mio agire. Il ritirarsi di quando in quando non è una fuga, ma un entrare nella profondità delle cose di ogni giorno. E’ necessario vedere l’arricchimento che viene dal silenzio, l’invisibile che si nasconde dietro il visibile, l’eterno che matura nel tempo, la gioia che si accumula nelle tribolazioni, la luce che preme dentro le nebbie.
San Giovanni Battista, fammi degno del tuo nome che porto indegnamente!

180 - ALCUNI EX - ALLIEVI DELL'ISTITUTO ARTIGIANELLI

 
Gli ex allievi degli Artigianelli si sono ritrovati per festeggiare il «loro»
santo Giovanni Piamarta

mercoledì 12 dicembre 2012

179 - INNO A PADRE GIOVANNI BATTISTA PIAMARTA

Carità e Speranza insegnasti ai giovani,
nella Provvidenza brillava il tuo domani.
Padre Piamarta Servo del Signore
splendi ora nei cieli della luce di Cristo.

 

Guardasti agli ultimi, al loro domani
e desti loro la fiducia nel Signore.
Tu fosti apostolo della gioventù,
tu testimone del Signore nella società.

Nel tuo Signore era la tua forza
il nutrimento quotidiano del tuo spirito.
Uomo di Dio guida nella fede,
tu testimone di Speranza nella società.

Ed oggi ancora noi guardiamo a te,
e ci sentiamo confortati dal tuo esempio.
Davanti a Dio prega per noi tutti,
tu che hai donato la tua vita con amore.

 

mercoledì 28 novembre 2012

178 - PADRE PIAMARTA E'


177 - O APÓSTOLES O APÓSTATAS

"Primer encuentro con P. Piamarta" de Pier Giordano Cabra

CAPÍTULO NOVENO

 Padre Piamarta quiere que sus jóvenes sean libres y fuertes; libres para no contaminarse por la mentalidad común y fuertes para actuar rectamente y distinguirse de la multitud; libres para no ser absorbidos por la masa y fuertes para ser líderes. Su tiempo estuvo lleno de contrastes sociales y políticos entre liberalismo y socialismo. El primero preocupado por la libertad y el segundo por la igualdad. Padre Piamarta siempre dijo a sus jóvenes que es necesario ser "libres para servir", insistiendo en las virtudes cívicas, a partir de la honestidad, del sentido por el deber, del sentirse comprometidos por la palabra dada, por la participación en la vida pública y por el sentido del servicio.  A quien le hacía notar que hablaba poco de derechos, respondía que para aprender los propios derechos basta con una semana y que, en cambio, para aprender los propios deberes no basta con una vida.

Estaba convencido de que en la sociedad moderna o el joven se esfuerza como un apóstol o se arriesga en convertirse en un apóstata. O se empeña o desaparece. O ilumina o es absorbido por la oscuridad. Para Padre Piamarta el joven es apóstol cuando no se avergüenza de ser cristiano e, incluso más, cuando honra el nombre de cristiano con su comportamiento. Es apóstol aquel que es atento a las necesidades de los otros y está dispuesto a dejar las comodidades por hacer lo que le es posible hacer. En el año 1902 Padre Piamarta supo que se quería impedir la procesión ciudadana del Corpus Christi. Llamó a reunión a sus jóvenes y les pidió defender el recorrido. Ninguno se atrevió a poner algún obstáculo. Es apóstol el que está dispuesto a pagar en persona las propias ideas. Es apóstol el que "no sigue el camino del impío, sino que camina en la ley del Señor".

No quería jóvenes malhumorados, tristes, pesimistas, introvertidos, mal genios. Les repetía las "máximas" de San Felipe, que son unas sencillas frases de sabiduría humana y cristiana nacidas desde las profundas meditaciones espirituales y en la escuela de la vida:
- Hijos, estén alegres: escrúpulos y melancolía, fuera de mi casa.
- Bienaventurados ustedes, jóvenes, que tienen tiempo para hacer el bien.
- Es necesario trabajar, tienen que trabajar, porque Dios no sabe qué hacer con los
  perezosos.
- Sean buenos si pueden: el hombre que no reza es un animal sin razón.
- Hagan todo, pero no cometan pecados.

Y le gustaba mucho que los jóvenes mostraran su alegría, alternando el duro deber cotidiano con las actividades recreativas, los frecuentes campamentos en la montaña, el solemne canto coral, la solicitada banda musical y el aplaudido teatro, alcanzando en estas últimas un nivel de excelencia reconocidos en la ciudad y en la provincia.
En ocasión de la imponente inauguración del monumento al Redentor en el monte Guglielmo, el 20 de agosto de 1902, fue invitada la banda musical del Artigianelli. Jornada memorable: entre los muchos asistentes estaba sentado un niño que aplaudía, Juan Bautista Montini, que estaba destinado a ser famoso. A un siglo de distancia, ese niño está de nuevo presente en ese lugar con una estatua que lo presenta con la vestimenta del Romano Pontífice Pablo VI.
¡Quizás en las solitarias y limpias noches estrelladas escucha nuevamente con mucha alegría esas notas alegres y solemnes que Padre Piamarta ha llevado hasta allí ese día, como homenaje de los jóvenes al Redentor del mundo!.

176 - O APOSTOLI O APOSTATI

"Primo incontro con padre Piamarta" di Pier Giordano Cabra

Capitolo nono

1. Padre Piamarta vuole che i suoi ragazzi siano liberi e forti. Liberi per non essere plagiati dalla mentalità corrente, forti per resistere al male facile. Liberi per non essere assorbiti dal branco, forti per vivere con coerenza le proprie convinzioni. I suoi erano tempi di contrasti sociali e politici, tra liberalismo e socialismo, il primo preoccupato della libertà di accumulare dei beni, il secondo della giusta distribuzione dei beni. Padre Piamarta, in modo essenziale, diceva ai suoi ragazzi che è necessario essere “liberi per essere utili a sé e agli altri”, insistendo sulle virtù civiche, a partire dall’onestà, dal senso del dovere, dal sentirsi legati dalla parola data, dalla partecipazione alla vita pubblica con senso del servizio.
A chi gli faceva notare che parlava poco dei diritti, rispondeva che per imparare i propri diritti basta una settimana, ad imparare i propri doveri non basta una vita.

2. Era pure convinto che nella società moderna il giovane o si impegna o si spegne. O si comporta come un apostolo o rischia di diventare un apostata. O illumina o viene assorbito dal grigiore. È apostolo colui che è attento alle necessità degli altri ed è disposto a scomodarsi per fare quello che gli è possibile fare. Nel 1902 Padre Piamarta viene a sapere che si vuol impedire la processione cittadina del Corpus Domini. Chiama a raccolta i suoi giovani e li schiera a difesa del percorso. E la processione si fa. È apostolo chi è disposto a pagare di persona per le proprie idee. È apostolo colui che “non segue il cammino degli empi, ma cammina nella legge del Signore”.

3. Non voleva ragazzi musoni, tristi, pessimisti, introversi, seriosi. A loro ripeteva le “Massime” di San Filippo, che sono delle rapide e semplici frasi di sapienza umana e cristiana, nate da profonde meditazioni spirituali e dalla scuola della vita:
- Figlioli, siate allegri: scrupoli e malinconia, fuori da casa mia.
- Beati voi giovani, che avete tempo di fare il bene.
- Bisogna lavorare, bisogna lavorare, Iddio non sa che farne dei poltroni.
E ricordava sovente che una persona ricca non è quella che possiede di più, ma è quella che necessita di meno. E aggiungeva: “Non siate come quelli che vivono come se non dovessero mai morire, per poi morire come se non avessero mai vissuto”.

4. E favoriva tutto il libero dispiegarsi dell’allegria, alternando al duro dovere quotidiano le movimentate ricreazioni, le frequenti scampagnate, il solenne canto corale, la richiestissima banda musicale e l’applaudito teatro, raggiungendo in questi ultimi settori dei livelli di eccellenza riconosciuti in città e provincia. In occasione dell’imponente inaugurazione del monumento al Redentore sul monte Guglielmo, il 20 agosto 1902, fu chiamata proprio la banda musicale degli Artigianelli. Giornata memorabile: tra i moltissimi giunti lassù era presente un ragazzino riservato e plaudente, Giovanni Battista Montini, destinato a diventare famoso. A distanza di un secolo è di nuovo reso presente in quel luogo da una statua che lo raffigura nelle vesti del Romano Pontefice Paolo VI.
Forse nelle solitarie e limpide notti stellate, talvolta riascolta volentieri quelle note allegre e solenni che Padre Piamarta ha portato lassù quel giorno, come omaggio dei giovani al Redentore del mondo!

175 - EFFIGE DI PADRE PIAMARTA - CECCHINA


martedì 27 novembre 2012

174 - DON G. PIAMARTA AD ATTILIO ARCANGELI (1)

Lettere di padre Piamarta e dei suoi corrispondenti

3.
Brescia, S. Alessandro, 5 novembre 1878
Carissimo mille volte!
Fa suonare a festa che finalmente il Piamarta si fa vivo anco una volta al suo troppo caro Attilio! Chissà mai quanti castelli avrai tu fabbricati! Quanti strani giudizi formati sopra questo mio silenzio che temo ti riuscirebbe sempre inqualificabile ed inesplicabile per quante ragioni mi sforzassi di portarti innanzi a giustificarlo! Per non sciupar tempo ed inchiostro in vane ciance, ti prego di credermi che ciò non fu perché siasi punto raffreddato l'affetto grandissimo che a te sempre mi ha legato; ohibò! questo non avverrà mai, colla divina grazia, anzi mi sentii sempre l’animo occupato di te, della tua sorte, cui supplicava il Signore che fosse tale da renderti eternamente tutto suo.
Perché dunque, dirai tu, perché a tante mie istanze non mandarmi mai una riga? Tra le altre ragioni che taccio, questa che dico non è la più debole - per indolenza - pigrizia - dote mia caratteristica - ecc. ecc. La è questa troppo magra scusa da mettere in carta - che mi fa vergogna - lo veggo anch'io, ne sono confuso - ma ciò nullameno non la voglio nascondere a te, che pieno di squisita carità come sei, mi vorrai compatire. Quante vicende avvennero in quel po' di tempo che mi hai abbandonato! Tu ne sei già informato dagli amici tuoi e dai giovanetti che di quando in quando tenevano tua conversazione epistolare. L’Oratorio è in piedi ancora, non so nemmeno io il perché! Che anche a nostro riguardo la bontà di nostro Sig. Gesù Cristo voglio che sia detta: Quae stulta sunt mundi elegit Deus... ecc. et infirma et contemptibilia... ut confundat fortia? Ne sia infinitamente lodata e ringraziata questa infinita bontà e tu prega perché conceda a me veramente meschinissimo sotto ogni rispetto, tutta quella virtù - quella generosità, quella costanza di propositi che mi si conviene onde non fallire all'opera che il Signore vuole da me.
Ti ringrazio che coi tuoi savi ammonimenti che di quando in quando mandi a qualcuno dei cari nostri fanciulli, tu li metti in maggior impegno di servir il Signore, e di restare fedeli all'Oratorio. In generale non sono malcontento - gli adulti si sono più disciplinati – Capilupi (2) - Mainetti Dominatore (3) – Cremona (4) - Bonetti Achille (5) - Pavoni Arnaldo Luigi (6) sono giovani modello e cominciano ad ormeggiare i martiri. Circola nel loro sangue zelo, ardenza per la gloria di Dio. Aiutali colle tue orazioni a crescere e perseverare nella incominciata santa impresa - mi sarà caro assai che li faccia di motto tuo ad incoraggiarli con qualche tua letterina. Dimmi cento cose dei fatti tuoi, scrivimi presto e a lungo. Come stai? Come vanno le tue cose? Vieni proprio a Brescia presto? Oh! come ne andrei contento! Scrivi tutto che ti viene in mente con calma, con tranquillità, senza affaticare la mente, proprio come ho fatto io, che presa in mano la penna l’ho lasciata macchinalmente tirare innanzi fin qui da sé senza che la mente mia v'avesse affatto partecipato.
Ti saluto di cuore, ma proprio di cuore, e con me ti saluta il mio carissimo Sig. Prevosto (7) e gli Amici tutti che ti ricordano con special predilezione.
Riverisci la Sig.ra tua mamma e papà e credimi
Tutto tuo affezionatissimo fratello in G.C.
PIAMARTA Sac. GIOVANNI

___________________________________
1 . Attilio Arcangeli nacque a Brescia da Carlo e da Luigia Rossi il 1° gennaio 1855 e vi morì il 24 settembre 1879. Era di famiglia benestante ed un suo fratello, Camillo, fu ingegnere molto apprezzato, progettista fra l`altro del palazzo del Credito agrario e dell’ara votiva del Vantiniano. Fossati (op. cit., I, p. 97) afferma che dovette essere stato «magna pars›› dell’Oratorio di S. Alessandro, avvalendosi probabilmente di un'esperienza fatta accanto ad un altro apostolo degli oratori, il can. Lorenzo Pintozzi direttore dell'oratorio di S. Benedetto. Il Fossati (op. cit., I, pp. 106-107) riporta anzi una lettera di mons. Pintozzi all'Arcangeli. Fu certo tra gli assistenti più attivi dell`Oratorio di S. Alessandro per due anni, trasferendosi poi nel 1878 a Pisa per ragioni professionali e di salute ma tornando a Brescia ove morì ancor giovanissimo.
2. Francesco Capilupi, nipote del curato di S. Alessandro, don Angelo, a quanto scrive il Fossati (op. cit., I, p. 101) fece «un gran bene all'oratorio e nella Dottrina Cristiana››.
3. Compare per la prima volta il nome di Dominatore Mainetti, uno dei personaggi più in vista a Brescia specie nei primi decenni del sec. XX, tra i più cari allievi di p. Piamarta a lui molto legato. Nato a Brescia il 14 novembre 1861 e mortovi il 15 maggio 1920, di Enrico. Nonostante avesse compiuti corsi scolastici molto ristretti, percorse la carriera militare fino al grado di maggiore di fanteria. Figlio di un commerciante, con prestiti anche di p. Piamarta aprì verso il 1880 un negozietto che via via sviluppò nei «Grandi Magazzini dell'Est›› in cui furono impiegati trenta commessi e che ebbero due succursali: a Verona e a Como. In seguito diede vita ad una industria tessile con uno stabilimento al Crocevia di Nave e un altro a Sabbio Chiese. Fu inoltre presidente delle Industrie Tessili Bresciane con stabilimenti a Sale Marasino, Marone e Redona (Bergamo). Fu dal 1904 al 1905 presidente della Camera di Commercio, che egli potenziò inserendovi il Circolo Commerciale e Industriale e chiamando a Brescia come segretario il Prof. Filippo Carli. Nel 1904 fu segretario generale e magna pars della Esposizione di Brescia e nel 1909 promotore e presidente della Esposizione Internazionale di Elettricità. Consigliere comunale di parte moderata dal 1895 fu vicepresidente della Congregazione di Carità. Nel 1915 fu sindaco di Brescia, prestando contemporaneamente servizio presso il Comando militare. Interventista convinto, si dedicò alla organizzazione dell'assistenza nel periodo bellico, tanto da venire, nel 1918, definito il Sindaco della Vittoria. Dimissionario nel 1918, fu tra i propugnatori della Università Tirandi. Collaborò alla Sentinella Bresciana. Fu anche verseggiatore e scrittore. Pubblicò: Viole appassite. Versi, Malaguzzi, Brescia 1888, poi Tip. e Libreria Queriniana, pp. 110; Dal taccuino di un commesso viaggiatore - Note giornaliere, Tip. Savoldi, Brescia 1889; Sotto le armi, Verona - Padova, Fratelli Druecker ed. 1897, pp. 82. Cfr. L. FOSSATI, op. cit., I, pp. 117-135.
4. Si tratta, probabilmente, di Angelo Giovanni Battista Cremona di Francesco, nato a Brescia il 24 Giugno 1857.
5. Achille Bonetti nato a Monza da Battista e da Chiara Casarotti, il 1° maggio 1860, un anno dopo veniva trasferito dalla famiglia a Brescia. Crebbe nell'oratorio di S. Alessandro e poi nell'Istituto Artigianelli e fu maestro vetraio di valore. In comproprietà con l'Istituto Artigianelli aprì in corso Palestro un laboratorio per la lavorazione e la decorazione del vetro e nel dicembre 1892 ottenne con una Annunciazione riprodotta su vetro la menzione onorevole all'Esposizione Italo-Americana di Genova (cfr. Il Cittadino di Brescia, 22 aprile 1892). Rímase sempre legatissimo a p. Piamarta del cui zelo ebbe a testimoniare e all'Istituto Artigianelli. Morì a Brescia il 23 aprile 1932. Cfr. L. FOSSATI, op. cit. I, pp. 358-359.

6. Pavoni Arnaldo Luigi, nato a Treviglio il 28 ottobre 1862 da Carlo e Maria Rota. Vivacissimo, ma buono, fattosi grandicello sentì profondo il richiamo alla perfezione cristiana. Fu tutto preghiera e mortificazione, tanto che dai suoi compagni delle scuole tecniche venne soprannominato Tempora per il suo scrupolo nell'obbedire alle mortificazioni allora imposte dalla Chiesa nelle «Sacre Tempora». Intelligente e diligente fece ottima riuscita negli studi. Trasferitosi con la famiglia a Brescia, frequentò l'oratorio di S. Alessandro dove don Piamarta lo avviò «con ogni industria (...) sul buon sentiero della gioventù». Nel Necrologio della Compagnia di Gesù, nelle note biografiche a lui dedicate in morte si legge: «Ed era cosa di maraviglia vedere il giovanetto Pavoni far le prime prove del suo apostolato in mezzo a' ragazzi. Sembrava proprio un angelo di pace in mezzo a loro, sempre allegro, col volto atteggiato a innocente sorriso aiutava il Direttore a contenere nella disciplina que' vispi fanciulli insofferenti quasi sempre di freno; e la domenica in quelle lunghe ricreazioni di tre o quattr'ore non risparmiava fatica per farli santamente e innocentemente divertire. Accorreva or qua or là ove s'accorgeva esser sorta dissensione o lite nel giuoco, e con maturità accompagnata da amorevolezza sedeva, come a dire, pro tribunali, e in un batter d'occhio pronunziava la sentenza, lasciando le parti d'egual maniera soddisfatte e contente. S'accompagnava quando con questo e quando con quello de' più savi, e parlando di cose di Dio e dell'anima, spronava a più alta virtù, e insinuava con ottimi consigli nuovi modi di praticarne gli atti. Talora per animare il giuoco là dove languiva con pericolo di qualche inconveniente cagionato dall'ozio, vi si slanciava in mezzo per primo seguito tra gli evviva festosi di tutti gli altri. Se per avventura veniva a conoscere che alcuno di que' giovanetti era caduto in qualche fallo, con mirabile soavità di modi inducevalo a confessarsene, e in occasione poi delle feste dell’oratorio era egli che spendeva le ore intere per preparare i fanciulli alla penitenza sacramentale. Man mano che giungevano in chiesa mettevasi loro attorno, disponevali alla preghiera, all'esame della coscienza e muovevali alla contrizione con parole di tanta efficacia, che ben dimostravano quanto amasse Iddio e quanto stessegli a cuore la salute dell'anima di que’ garzoncelli. E per verità, mercè l'aiuto del Pavoni, essi si accostavano al sacro tribunale della penitenza tutti compunti, e ne uscivano coll'allegrezza del cuore dipinta sul volto. Finalmente in lode dell’apostolato del Pavoni in mezzo a' giovani, vuolsi aggiungere che non pochi fra essi d'indole ribelle e ostinata lasciavansi piegare e reggere da un certo senso quasi di venerazione verso di lui, e che parecchi veduti trionfare di se medesimi in cose assai ardue, e richiesti del perché di sì generosa mutazione e di sì nobili vittorie, rispondevano d'averne avuto incoraggiamento da Pavoni››. Attratto dalla vocazione al sacerdozio entrò nel seminario di Brescia dove fu esempio nella pietà, nella disciplina, nell’osservanza delle regole tanto da venire definito un «S. Luigi›› e da essere proposto come esempio. Sotto la guida del padre spirituale, il gesuita p. Andrea Labati, si orientò poi verso la Compagnia di Gesù, nel cui noviziato di Soresina entrò il 16 dicembre 1882, dove continuò a percorrere, sempre in contatto con p. Piamarta, la via della santità. Esempi di santità e di zelo fervido diede anche durante il servizio militare. Il 19 marzo 1885 emetteva nella casa di Portorè i primi voti. Colpito da tisi passò tre anni nella casa di Mantova. Il 21 settembre 1889 veniva consacrato sacerdote dal vescovo mons. Giuseppe Sarto (poi Papa Pio X) e celebrava la prima messa nel santuario di S. Luigi a Castiglione delle Stiviere. Nelle pause della malattia, lavorò in due oratori di Mantova e specialmente in quello di S. Simone. Morì a Mantova il 6 luglio 1890.
(7) Don Pancrazio Pezzana

lunedì 26 novembre 2012

173 - PELLEGRINI PER PADRE PIAMARTA


172 - LE RADICI NOVARESI DI SAN PIAMARTA

Caro direttore,
ho letto con grande interesse e immenso piacere l’intera pagina dedicata da Avvenire lo scorso ottobre a padre Giovanni Battista Piamarta, in occasione della sua canonizzazione. Mi pare interessante ricuperare le origini del Santo, nato a Brescia da una famiglia della nostra terra novarese. Il nonno (che aveva il suo stesso nome) era infatti emigrato in cerca di lavoro, come tanti suoi conterranei.
Nel primo anniversario della beatificazione, nel 1998, padre “Piumarta” venne ricordato ad Agrano (piccola frazione di Omegna, sul lago d’Orta verso il Mottarone, dove abitano ancora oggi diverse famiglie “Piumarta”) con solenne celebrazione eucaristica, in un tripudio di popolo, presenti il pustolatore della causa e il superiore generale della Congregazione, che donarono alla parrocchia una preziosa reliquia, con anche la dedicazione dell’oratorio.
Può essere utile riferirne su Avvenire, a completamento del quadro della fulgida esistenza e testimonianza del Santo, che continuiamo a considerare un po’ anche nostro. Grazie e buon lavoro.
Franco Fornara Pettenasco (No)
Avvenire 25.11.2012

171 - PIAMARTA: UN DONO PER TUTTI


sabato 24 novembre 2012

170 - RITO DELLA CANONIZZAZIONE

Litanie dei Santi

Prima petizione

Il Prefetto:
Beatissimo Padre.
la Santa Madre Chiesa chiede con forza
che Vostra Santità iscriva i Beati

GIACOMO BERTHIEU
PEDRO CALUNGSOD
GIOVANNI BATTISTA PIAMARTA
MARIA DEL MONTE CARMELO SALLÉS Y BARANGUERAS
MARIANNA COPE
CATERINA TEKAKWITHA
ANNA SCHÄFFER


nell’Albo dei Santi e come tali siano
invocati da tutti i cristiani.

Il Santo Padre:
Fratelli carissimi, eleviamo le nostre preci a Dio Padre onnipotente per mezzo di Gesù Cristo, affinché, per intercessione della Beata Maria Vergine e di tutti i suoi Santi, sostenga con la sua grazia ciò che stiamo per compiere.

Pausa di silenzio

Il Santo Padre:
Ascolta, ti preghiamo o Signore benigno le nostre preci, affinché quello che con il nostro servizio facciamo, sia a te gradito e sia di incremento alla tua Chiesa. Per Cristo nostro Signore.

Seconda petizione
 
Il Prefetto:
Confortata dall'unanime preghiera, Beatissimo Padre, la Santa Chiesa torna a chiedere con maggior forza che Vostra Santità voglia iscrivere questi suoi eletti figli nell'Albo dei Santi.

Il Santo Padre:
Invochiamo dunque lo Spirito vivificante, perché illumini la nostra mente e Cristo Signore non permetta alla sua Chiesa di errare in un'opera così importante.

La schola e l'assemblea cantano alternativamente l'inno Veni, creator Spiritus.

Terza petizione

Il Prefetto:
Beatissimo Padre, la Santa Chiesa, confidando nella promessa del Signore di inviare su di essa lo Spirito della Verità, che in ogni epoca mantiene il supremo Magistero immune dall'errore, supplica con grandissima forza Vostra Santità di voler iscrivere questi suoi eletti figli nell'Albo dei Santi.

Formula di canonizzazione

Ad onore della Santissima Trinità,
per l’esaltazione della fede cattolica
e l’incremento della vita cristiana,
con l’autorità di nostro Signore Gesù Cristo,
dei Santi Apostoli Pietro e Paolo e Nostra,
dopo aver lungamente riflettuto,
invocato più volte l’aiuto divino
e ascoltato il parere di molti
Nostri Fratelli nell’Episcopato,
dichiariamo e definiamo Santi i Beati

GIACOMO BERTHIEU
PEDRO CALUNGSOD
GIOVANNI BATTISTA PIAMARTA
MARIA DEL MONTE CARMELO SALLÉS Y BARANGUERAS
MARIANNA COPE
CATERINA TEKAKWITHA
ANNA SCHÄFFER

e li iscriviamo nell’Albo dei Santi
e stabiliamo che in tutta la chiesa essi siano
devotamente onorati tra i Santi.
Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
 
Vengono collocate accanto all’altare le reliquie dei nuovi santi insieme ai ceri

Te deum

Il Prefetto ringrazia il Santo Padre:
Beatissimo Padre, a nome della Santa Chiesa ringrazio Vostra Santità per la proclamazione e Vi prego di voler disporre che venga redatta la Lettera Apostolica circa la Canonizzazione avvenuta.

169 - SETTE NUOVI SANTI TRA CUI PADRE PIAMARTA


168 - SALVEZZA

da "i pensieri di padre Piamarta"
 
Ed io, come Simeone, prendo dalle braccia di Maria il figlio Gesù. Questo Gesù per i suoi meriti, per le sue piaghe, per il suo sangue, io lo presento al Padre, perché nessuna di queste giovanette si abbia a perdere. «Domine quos dedisti mihi non perdidi ex eis quemquam» (Ho perso nessuno, o Signore, tra tutti quelli che mi hai affidato).

Un grande imperatore, mosso dalla fama di S. Nilo, lo andò a visitare e dopo un lungo colloquio, partendo, gli offrì molti preziosi regali. Ma il Santo, ringraziandolo umilmente, non li volle accettare. Allora l'Imperatore rispose: «Poiché non volete alcun dono, domandatemi qualche favore per voi o per parenti ed amici».
«Oh! questo sì», rispose S. Nilo. «La grazia che io domando a vostra maestà eccola: «Salva animan tuam. Salvatevi! Salvatevi». Ecco, devotissimo figliuolo, la grazia che io domando al Signore per voi stesso e la chiedo anche per me: «salvemus animas nostras». Sì, perché è tremenda l'alternativa: o io mi salvo o io mi perdo per sempre.

Citando un pensiero di S. Agostino, il Padre dice che «ha un cuore duro chi non si commuove alla vista di un uomo che cammina verso la perdizione eterna». E aggiunge: “il nostro cuore è veramente di bronzo ed insensibile, se vedendo un meschino cadere nel baratro eterno, potendolo salvare, non si impegna a farlo. Se dobbiamo sentire pietà a fare questo per persone sconosciute, quanto più lo dovremo fare per i nostri amici e fratelli in Cristo”.
 

lunedì 19 novembre 2012

166 - UNA FAMIGLIA PER LE FAMIGLIE

"Primo incontro con padre Piamarta" di Pier Giordano Cabra

Capitolo ottavo

1. Padre Piamarta agli inizi dell’Istituto Artigianelli aveva avuto due giovani collaboratori straordinari: il chierico Emilio Bongiorni e Dominatore Mainetti, destinati a diventare il primo Vescovo Ausiliare di Brescia e il secondo Sindaco di Brescia. Sempre tra i primi collaboratori, furono preziosi alcuni ex pavoniani, che vivevano con monsignor Capretti. Anche alcuni sacerdoti e laici e poi alcuni alunni si unirono a lui, per condividere la sua missione e la sua vita laboriosa, impegnativa, assorbente.

2. Ma il Padre voleva attorno a sé qualche cosa di più di un gruppo di collaboratori. Voleva creare una comunità stabile che fosse come una famiglia, dove si vivesse assieme, si pregasse assieme, si lavorasse assieme, ci si aiutasse reciprocamente a servire i giovani. Questo ambiente avrebbe contribuito a far respirare il clima di famiglia ai ragazzi, quasi a “dare una famiglia a chi non l’ha” e a preparare i giovani a quegli atteggiamenti di rispetto, di accoglienza, di attenzione, che sono le premesse insostituibili per la creazione di una famiglia.

3. Ed ecco nascere la “Congregazione Sacra Famiglia di Nazareth”, formata da un gruppo di sacerdoti e laici che si impegnano a dedicare tutta la loro vita al servizio di Dio e dei giovani, ispirandosi al modello della Santa Famiglia. La Santa Famiglia ispira a vivere uno stile fraterno, che si esprime – come dice il Padre – “nella pazienza, carità, cordialità, procurando d’essere tra noi affabili, abbondare e sovrabbondare in dolcezza. Questo spirito deve penetrare nel profondo del cuore della nostra santa Istituzione”. Una famiglia stabile, destinata a rinnovarsi e a continuare la sua opera nel tempo. 

 4. La Santa Famiglia diventa dunque “la Famiglia per le famiglie”, sia per quella religiosa, sia per quella con e per i ragazzi, sia per quella che i ragazzi un giorno formeranno.

5. In una famiglia non può mancare l’elemento femminile. E il Padre, assieme alla Madre Elisa Baldo, dà origine anche alle “Ausiliarie della Santa Famiglia”, che prenderanno poi il nome di “Umili Serve del Signore”, una Congregazione che è stata insostituibile collaboratrice e sostegno nelle opere piamartine per parecchi decenni e alla quale va tutta la ammirata riconoscenza dei figli di Padre Piamarta.

6. Il modello scelto è dunque la Santa Famiglia di Nazareth: il richiamo a Nazareth non è casuale. Nazareth è anche il luogo dove il lavoro viene santificato, perché qui ha lavorato manualmente il Figlio di Dio. Se l’esaltazione culturale del lavoro è necessaria per riscoprirne l’eminente dignità, le potenzialità di realizzazione della persona, il contributo alla società e al progresso, tuttavia non è sufficiente per cancellare l’aspetto logorante, la fatica e le delusioni che lo accompagnano. Lo sguardo a Nazareth aiuta a mettere il lavoro nella giusta prospettiva della partecipazione al sudore redentivo della Santa Famiglia: chi lavora e suda con Gesù non perde la sua ricompensa.

7. Padre Piamarta invita ad andare spiritualmente a Nazareth anche per scoprire il valore della quotidianità: per chi guarda a Nazareth l’oscurità del quotidiano, – “il terribile quotidiano” – viene illuminata e acquista una nuova dimensione. A Nazareth, lontano dai riflettori, cresceva il Figlio di Dio. Nella monotonia del quotidiano siamo invitati a scoprire il Figlio di Dio che desidera crescere in noi, per avere luce e pace e per portare luce e pace.

165 - IN PIAZZA SAN PIETRO - ROMA


164 - UNA FAMILIA PARA LAS FAMILIAS

"Primer encuentro con P. Piamarta" de Pier Giordano Cabra

CAPÍTULO OCTAVO

Padre Piamarta en los inicios del Instituto Artigianelli tuvo dos jóvenes colaboradores extraordinarios: el seminarista Bongiorni y Dominatore Mainetti. El primero será Obispo Auxiliar de Brescia y el segundo Alcalde de la ciudad. Siempre entre los primeros colaboradores, fueron de gran ayuda algunos ex pavonianos, que vivían con Monseñor Capretti. Algunos sacerdotes y laicos, así como algunos alumnos, se unieron a él para compartir su misión y su vida laboriosa, esforzada y exigente.
 
Padre Piamarta siempre quiso consigo algo más que un grupo de colaboradores. Él quería crear una comunidad estable que fuese como una familia, donde vivieran juntos, rezaran juntos, trabajaran juntos y se ayudaran recíprocamente a servir a los jóvenes. Este ambiente ayudaría a sentirse en un clima de familia a los niños y jóvenes, "dando una familia a quien no la tiene y enseñándoles a tener una actitud de respeto, acogida y atención, que son la premisa insustituible para la creación de una familia.

De esta manera fue que nació la Congregación Sagrada Familia de Nazareth, formada por un grupo de sacerdotes y laicos que se empeñan en dedicar toda su vida al servicio de Dios y de los jóvenes, inspirándose en el modelo de la Santa Familia. Ella conduce a vivir un estilo fraterno, que se expresa - como dice Padre Piamarta - "en la paciencia, caridad, cordialidad, procurando ser entre nosotros amables y llenos de dulzura. Este espíritu debe penetrar en lo profundo del corazón de nuestra santa Institución".
 
Siendo una familia estable, destinada a renovarse y a continuar su obra en el tiempo, la Sagrada Familia se convierte en "la Familia para las familias", tanto para la congregación religiosa, como para los niños y jóvenes y las familias que ellos mismos formarán.

Y como en una familia no puede faltar el elemento femenino, Padre Piamarta, junto a la Madre Elisa Baldo, dio origen también a las "Auxiliadoras de la Sagrada Familia", que luego tomarán el nombre de "Humildes Siervas del Señor", una Congregación que es un apoyo y una insustituible colaboradora en las obras piamartinas durante muchos años y a la cual va todo el admirado reconocimiento de los hijos de Padre Piamarta.

El hecho de que el modelo elegido sea la Sagrada Familia de Nazareth no es casual. Nazareth es el lugar donde el trabajo es santificado, porque ahí fue donde trabajó con las manos el Hijo de Dios. Si la exaltación cultural del trabajo es necesaria para descubrir la eminente dignidad, las potencialidades de realización de la persona, el aporte a la sociedad y al progreso, no es suficiente, sin embargo, borrar la fatiga y las desilusiones que lo acompañan. Mirar a Nazareth ayuda a hacer el trabajo en la justa perspectiva de la participación en el sudor redentor de la Sagrada Familia.

 Padre Piamarta ayuda a ir espiritualmente a Nazareth, también para descubrir el valor de la cotidianidad: para quien mira a Nazareth, la oscuridad de lo cotidiano, "el temible día a día" es iluminado y adquiere una nueva dimensión. En Nazareth, lejos de las grandes luces, creció el Hijo de Dios. En la monotonía de lo cotidiano estamos invitados a descubrir al Hijo de Dios que desea crecer en nosotros, para tener luz y paz, así como también para llevarla a los demás.

sabato 17 novembre 2012

163 - AL DIVINO AMORE - ROMA


162 - DON G. PIAMARTA A GIUSEPPE MONTINI(1)

Lettere di padre Piamarta e dei suoi corrispondenti

2.

Brescia, S. Alessandro (2), 23 marzo 1878
Carissimo Giuseppe,
Certo che io questa volta faccio proprio una gran brutta figura col mio Giuseppino! Non rispondere mai alla tua lettera inviatami or fanno quasi due mesi, e ciò dopo tante promesse che ti avrei subito risposto. Caro ,... è gran ventura per me che la tua Sig.ra Mamma (3) ha la bontà di farmi da avvocato e trattare presso di te la mia causa, perché così spero di uscirne giustificato meglio assai che io non saprei fare con due fogli di ragioni scritte.
Sai che la tua letterina tanto bella mi tornò sommamente gradita? Ero cotanto ansioso di aver tue nuove! Nello scorrerla non potei tenermi dall'esclamare: benedetto sia il Signore che nella sua bontà continua a mantenere anzi ad accrescere nel cuore del mio Giuseppe quei sentimenti così squisiti di fede e di amor di Dio che io ho veduto svolgersi in te e pei quali sentiva di doverti amare con parzialità di affetto!
Tu dunque vuoi proprio farti santo! me lo dice chiaro la soluzione che hai presa di aggregarti tra i Figli di Maria... Dunque tu adesso concepirai sempre abborrimento maggiore al peccato, studiando di evitare anche i piccoli difetti avvertiti onde viepiù piacere agli occhi purissimi di Maria SS.ma. Sei figlio di Maria (4)! Dunque io vivo sicuro che assumerai un contegno che sarà di edificazione e di esempio ai tuoi fratelli e a quanti ti avvicineranno. La tua Sig.ra Mamma avrà la consolazione di vedere il suo Giuseppe studiosissimo, pronto non solo a non preterire mai i suoi comandi, ma a prevenire i desideri, perché tu dovrai vedere sempre nella volontà di tua Madre, quella di Maria SS.ma. Oh! sta pur sicuro che Maria ti ha già tolto a proteggere qual suo carissimo figlio come fece con S. Filippo, S. Luigi Gonzaga e S. Stanislao Kostka... (5)  e tu da questa protezione non tarderai a provarne i preziosissimi effetti. Il demonio, invidioso com'è del tuo bene, userà ogni arte onde strapparti da Lei... e tu ripeti ogni giorno fedelissimamente appena svegliato il «Sub tuum  praesidium›› a M.V.; fra giorno specialmente se tentato, usa di frequente della giaculatoria di S. Filippo Neri, che tu devi ben ricordare, «Vergine SS.ma Madre di Dio e di Filippo, pregate Gesù per me››; Maria così invocata verrà in tuo aiuto, e i piani del demonio saranno sconcertati appieno. .
Grazie infinite a te e alle tue sorelline (6) perché mi avete presente nelle vostre orazioni... prego te, le tue sorelle a non stancarsi dal farlo anche per lo innanzi... ve ne sarò sempre riconoscentissimo. Il Rev.do sig. Prevosto (7), tutti i compagni dell'Oratorio (8) gradirono moltissimo i tuoi saluti e te li ricambiano caramente. Riverisci a mio nome il tuo fratello Giorgio (9), digli che lo ricordo sempre con interessamento.
Ciao Giuseppino. Sta allegro..., ma sii tutto di Gesù; io ti pregherò da Lui nella S. Messa la grazia ogni giorno che ti stabilisca sempre nei tuoi santi propositi.
Aspetto presto una seconda tua lettera, alla quale verrà subito dietro la mia risposta, te lo prometto.
Ricevi con affetto un bacio dal tuo
Aff.mo PIAMARTA D. GIOVANNI

---------------------------------------------------------
(1) Giuseppe Montini (Concesio 1867 - Brescia 1953) era allora undicenne studente di 1^ Ginnasio a Padova. Si laureerà poi il 16 luglio 1891 in medicina a Padova ed eserciterà la professione a Brescia, sulla «Prince Line›› come medico di bordo e dal 1899 al 1901 a Bagolino, per poi stabilirsi a Brescia. Molto stimato, largo con i poveri, è fra i fondatori della Poliambulanza e fra i sostenitori del Dispensario Antitubercolare e di numerose iniziative benefiche ed assistenziali. Appassionato di ogni problema culturale, fu ammiratore di Dante e di Manzoni e poeta estemporaneo. Ha lasciato: Ricordi di un vecchio medico (Brescia 1947) e una vastissima raccolta inedita di riflessioni e ricordi. Cfr. P. GUERRINI, Dott. Cav. Giuseppe Montini, Memorie storiche della Diocesi di Brescia..., vol. XX, 1953, p. 109; A. FAPPANI, Giorgio Montini, Cronache di una testimonianza, Roma 1974, p. 11 e passim.
(2) La parrocchia di S. Alessandro, la cui chiesa e canonica furono erette nel 1136 dal vescovo Manfredo, fu poi una delle più rilevanti ed estese parrocchie cittadine, legata al convento dei Servi di Maria. Soppressi i quali, la parrocchia passò al clero secolare.
(3) Francesca Buffali (21 dicembre 1835 - 23 febbraio 1921) figlia del dottor Giorgio, primario negli Ospedali di Brescia e di Elisabetta Onofri, fu donna di elette virtù.
(4) Termine non facilmente spiegabile. Non si conosce una confraternita o associazione sotto questo titolo. Salvo che non si intenda l'ascritto alle congregazioni mariane.
(5) Sulla devozione ai santi e specialmente a S. Filippo Neri di p. Piamarta cfr. Alle sorgenti della spiritualità di Padre Giovanni Piamarta. I Santi di Padre Piamarta, Centro piamartino di spiritualità. Brescia 1985.
(6) Si accenna probabilmente a Elisabetta (1860-1943), Agnese (1868-1922), Paolina (1869-1919), e Maria (1872-1951), sorelle di Giuseppe Montini.
(7) Don Pancrazio Pezzana nato a Brescia il 26 marzo 1819. Sacerdote nel 1843, dopo alcuni anni di cura d’anime fu insegnante, nel ginnasio vescovile, di storia naturale, storia civile e geografia. Nel 1853 passava parroco a Vallio. Nel 1863 diventava arciprete di Bedizzole e nel novembre 1870 prevosto di S. Alessandro in città. Fu per p. Piamarta un padre amoroso; lo volle accanto a sé a Bedizzole e a S. Alessandro e lo assecondò per primo nel suo apostolato giovanile (cfr. L. FOSSATI, P. Giovanni Piamarta. Dalla nascita alla prima fondazione 1841-1888, Brescia 1972, vol. I, pp. 51-54).
(8) Venne fondato intorno al 1860-1865 da don Bortolo Gussago, col nome di S. Maria della Pace, avendo sede appunto nella chiesetta con tale nome allora esistente in via Tosio 9, poi trasformata in teatro e in fine abbattuta. Con don Giovanni Piamarta, che ne fu il secondo direttore, l'oratorio rinacque nel 1876 a vita nuova, prese quell'impronta tipicamente parrocchiale che poi conservò sempre. Venne infatti trasferito a S. Alessandro.
(9) Giorgio Montini (Brescia 1860-1943) fratello di Giuseppe. Giovanissimo entrò nel movimento cattolico. Laureatosi a Padova in diritto, nel 1881 divenne direttore del Cittadino di Brescia e lo fu fino al 1913. Assieme s'impegnò a fondo come presidente del Circolo della Gioventù Cattolica, promotore di società operaie, di istituzioni benefiche, di manifestazioni religiose, di pellegrinaggi, di organismi e uffici di informazioni sociali economiche. Fu il principale artefice dell'alleanza cattolico-moderata e guidò le lotte amministrative e politiche dei cattolici, fu consigliere, assessore comunale, ricoprì la presidenza nazionale dell'Unione Elettorale Cattolica e fu deputato al Parlamento per il P.P.I. (dal 1919 al 1926). Cfr. A. FAPPANI, Giorgio Montini. Cronache di una testimonianza, Roma 1974. È singolarmente significativo quel «riveriscimi» segno di una singolare stima che non si può non definire particolare.

161 - LE MANI DEI SANTI




Chiave di lettura

Le mani di padre Piamarta hanno realizzato sulla terra i progetti d'amore di Dio, confermando e perfezionando la creazione uscita dalle mani di Dio.

Autore dell'opera: Candida Gottardi


venerdì 16 novembre 2012

160 - ATTACCHI INDEGNI E AGGIORNAMENTO

07. Dal “Diario” di Padre Piamarta di Pier Giordano Cabra

Brescia, maggio 1911

In questi giorni ho avuto un carteggio piuttosto vivace con il Vescovo di Cremona, monsignor Geremia Bonomelli, questo “illustre prelato bresciano, illuminato scrittore che sa presentare le verità del cristianesimo ai dotti e agli indotti del nostro tempo e che tuttavia viene tanto attaccato” dagli ultraconservatori che lo accusano ingiustamente di modernismo. Gli avevo segnalato una favorevolissima recensione delle sue due ultime pubblicazioni da parte della Civiltà Cattolica che diceva: “L’Illustre Vescovo di Cremona, con quel dono tutto suo di sviscerare le questioni del giorno e di proporne con singolare splendore d evidenza, calore di facondia ed effusione di affetto, le soluzioni più sicure riducendole ai dettami delle dottrine cattoliche, discorre degli scioperi e della proprietà, da vero maestro, padre e pastore per guisa che la lettura sembra viva, sgorgargli dal cuore, e lascia nell’animo la persuasione e la soddisfazione della verità conosciuta…Le due opere se largamente diffuse in mezzo ai Padroni e agli Operai, basterebbero a far cessare le funeste lotte che li dividono, a spegnere gli odii, a comporre dissidi, a ristabilire la pace sociale con la fratellanza evangelica ”.
Monsignor Bonomelli mi risponde che è lieto della segnalazione, ma teme che le cose non stiano andando verso il meglio:”Se verrete a trovarmi mi farete un favore! E discorreremo di un mondo di cose. L’ora è grigia, i lampi guizzano; brontola il temporale e forse la gragnuola farà una non desiderata visita”. Non so se avrò salute e tempo per fare una visita al caro Vescovo, che con si suoi scritti si rivolge a “anime inquiete, turbate, tormentate dai grandi problemi religiosi”, le avvicina alla fede, ne converte non poche, eppure, come mi scrive nell’ultima lettera, “riceve biasimi e forti anche da Vescovi e pubblici. Ah, caro Piamarta! Quanto male ha fatto e fa certo spirito acre, fiero!”.
Attacchi indegni
Quello che mi rattrista è che ora gli attacchi si dirigono anche contro quel sant’uomo che è l’arcivescovo di Milano, il cardinale Ferrari, accusato anch’esso di modernismo. Quanto siamo lontani dallo spirito del Vangelo con queste accuse, insinuazioni, sospetti, che vengono gettati contro i fratelli nella fede e contro i Pastori. E per di più questi attacchi vengono da persone che si vantano di avere appoggi in alto! Dovrebbero venire qui in mezzo ai miei ragazzi questi sapienti che parlano di cose talmente alte, che perdono il contatto con la realtà. Se invece di dividere le forze, si unissero per servire i più poveri con la vera carità, sia intellettuale, sia operativa, come investirebbero al meglio il loro ingegno. Invece con la loro litigiosità seminano zizzania, con la loro aggressività vedono avversari là dove ci sono dei potenziali alleati per trovare soluzioni costruttive. Monsignor Bonomelli è un nostro benefattore e collabora con la nostra Libreria editrice Queriniana, alla quale ha affidata la stampa e diffusione del suo magistrale libro Il giovane studente. Riguardo alla mia richiesta di rifare una nuova edizione, aggiornata, di quest’ opera “di capitalissima importanza” per la gioventù, egli mi risponde: “Dovrei ringiovanirlo. Ma vi sono due difficoltà: la prima è gravissima, gli 80 anni con i loro regali soliti. La seconda affatto insuperabile. Se lo rifacessi come vorrei e dovrei, sarei un modernista e apriti o cielo! A questi lumi di luna mi tirerei addosso un uragano e qualche cosa di peggio. Le idee camminano, corrono, galoppano, precipitano e cosa sarà tra cinquant’anni? Noi due non ci saremo e basta… E quando farete una corsa a Cremona? C’è un mondo di cose da dire. Scrivetemi e ditemi quando”. La lettera termina con una richiesta di aiuto:”Una povera cieca mi scrive l’unita lettera. A Brescia potreste voi trovare un buco? Povera cieca ! Lo merita”. La maggior parte delle lettere si chiudono chiedendo aiuto. Solo la Provvidenza sa come è possibile venire incontro a tante necessità. Ma “la c’è la Provvidenza”!

159 - UNO DI NOI - SEMPRE CON NOI

mercoledì 14 novembre 2012

158 - MISSA NA FESTA DE SÃO JOÃO BATISTA PIAMARTA

ANTÍFONA DA ENTRADA Mt 5, 19

 “Quem guardar os mandamentos e os ensinar será grande no reino dos céus”, diz o Senhor.                       

COLETA

Ó Deus, que concedestes ao sacerdote São João Batista Piamarta a luz da sabedoria para educar os jovens a viver como cristãos no trabalho, na família e na sociedade, pela sua intercessão concedei-nos atuar colocando toda a nossa confiança no vosso paterno amor.
Por nosso Senhor Jesus Cristo, vosso Filho, que é Deus convosco na unidade do Espírito Santo.

SOBRE AS OFERTAS
Acolhei, ó Deus, as oferendas do vosso povo em honra de São João Batista Piamarta, e pela participação neste sacrifício, dai-nos expressar na nossa vida a força da vossa caridade.
Por Cristo nosso Senhor.

ANTÍFONA DA COMUNHÃO Mt 18, 3

 “Se não vos converterdes e não vos tornardes como crianças, de modo algum entrareis no reino dos céus”, diz o Senhor.

APÓS A COMUNHÃO

O sagrado alimento que recebemos nos sustente, Senhor, para que, com o exemplo de São João Batista Piamarta, possamos ser testemunhas em pensamentos e ações da luz da vossa verdade e do amor para com nossos irmãos.
Por Cristo nosso Senhor.


LECIONÁRIO

I LEITURA   At 4, 32-35
 
Do Livro dos Atos do Apóstolos (4, 32-35)
A multidão dos fiéis era um só coração e uma só alma. Ninguém dizia que eram suas as coisas que possuía: mas tudo entre eles era comum. Com grande coragem os Apóstolos davam testemunho da ressurreição do Senhor Jesus. Em todos eles era grande a graça. Nem havia entre eles nenhum necessitado, porque todos os que possuíam terras ou casas vendiam-nas e traziam o preço do que tinham vendido e depositavam-no aos pés dos Apóstolos. Repartia-se então a cada um deles conforme a sua necessitade.

SALMO RESPONSORIAL Sal 15 (16)

 R. Sois vós, Senhor, meu único bem.

Guardai-me, ó Deus, porque em vós me refugio.
Eu disse ao Senhor: Vós sois o meu Senhor;
além de Vós não tenho outro bem.
Vós sois a porção da minha erança e meu cálice:
nas vossas mãos está toda a minha vida.

Bendigo ao Senhor que me aconselha;
até minha alma me ensina de noite.
Tenho posto o Senhor continuamente diante de mim:
ele está à minha direita, não serei abalado.

Vós me fareis conhecer a vereda da vida;
na vossa presença há plenitude de alegria,
à vossa mão direita há delícias perpetuamente.

II LEITURA Gal 2, 19-20

Da Carta do Apóstolo Paulo aos Gálatas (2, 19-20)

Irmãos, na realidade, pela fé eu morri para a Lei, a fim de viver para Deus. Estou pregado à cruz de Cristo. Eu vivo, mas já não sou eu, é Cristo que vive em mim; a minha vida presente, na carne, eu a vivo na fé no Filho de Deus, que me amou e se entregou por mim. Não menosprezo a graça de Deus; mas, em verdade, se a justiça se obtém pela Lei, Cristo morreu em vão.

ACLAMAÇÃO AO EVANGELHO Mt 11, 25

Alleluia, alleluia.
Graças vos damos, ó Pai, Senhor do céu e da terra, porque revelastes aos pequeninos os mistérios do vosso Reino.
Alleluia

EVANGELHO Mc 10, 13-16

Evangelho de Jesus Cristo segundo Marcos (10, 13-16)
Apresentaram-lhe então crianças para que as tocasse; mas os discípulos repreendiam os que as apresentavam. Vendo-o, Jesus indignou-se e disse-lhes: “Deixai vir a mim os pequeninos e não os impeçais; porque o reino de Deus é daqueles que se lhes assemelham. Em verdade vos digo, todo o que não receber o reino de Deus com a mentalidade de uma criança, nele não entrará.” Em seguida, ele as abraçou e as abençoou, impondo-lhes as mãos.
 
Contatore per siti